Ricerca e sviluppo: incentivi per le PMI sarde

General Cessioni, azienda italiana leader nel panorama dell’intermediazione aziendale, nelle sue opinioni mostra il focus del bando.

Con una dotazione finanziaria pari a 5 milioni di euro, la Regione Sardegna in collaborazione con Sardegna Ricerca, ha indetto un bando con lo scopo di agevolare le imprese locali.Tutte le imprese, in forma singola o associata, possono concorrere al bando inviando non più di due domande ciascuna (per un valore massimo complessivo di 2,5 milioni di euro).
I progetti devono essere relativi al settore aereospaziale, in particolare: sensori per applicazioni civili e duali e droni, monitoraggio dell’ambiente con tecnologie satellitari (GPS, Galileo, Copernicus), monitoraggio dello spazio e dispositivi elettronici digitali a microonde. Fondamentale è che le attività di ricerca siano svolte sul suolo sardo.
Gli aiuti vanno dai 500 mila euro ai 2.5 milioni, stanziati sulla base delle seguenti variabili: le dimensioni dell’impresa e la presenza di un organo di ricerca possono influire dal 50 all’80%, mentre lo sviluppo sperimentale va dal 25 al 60%.
Nel caso in cui gli organismi di ricerca fossero in grado di pubblicare e divulgare i risultati del loro lavoro il budget destinato a questi ultimi aumenterebbe.
Le imprese intenzionate a prendere parte al bando possono presentare le domande entro e non oltre il 4 settembre 2017.