Crescita dell’immobiliare non residenziale

Nel 2016, in Italia, è aumentata la compravendita dell’immobiliare non residenziale in particolare per i capannoni, gli uffici e la richiesta di leasing.

General Cessioni, società milanese specializzata in intermediazione immobiliare, ha focalizzato le dedicato le proprie opinioni sull’analisi relative al mercato immobiliare non residenziale. Basandosi sullo studio realizzato dall’Agenzie delle Entrate, in collaborazione con Assilea, General Cessioni esprime opinioni positive per lo stato di salute del comparto che ha incrementato le compravendite notevolmente. La crescita vede protagonisti il settore produttivo, terziario e commerciale, ma anche il leasing italiano si è confermato il secondo mercato in Europa, con dietro la Francia e davanti a Spagna e Germania. Dopo diversi anni negativi, le compravendite di capannoni hanno fatto un balzo in avanti registrando un incremento di 22 punti percentuali su base annua. E’ la Lombardia soprattutto grazie a Milano, la regione in cui si concentra un quarto del mercato nazionale di riferimento. Tendenza positiva anche per i negozi che sono passati da 22.869 a 26.319 transazioni totali con un aumento di 15 punti percentuali. Infine per quanto riguarda gli uffici la ripresa tocca quota +12,3%, concentrata soprattutto nel nord Italia. Le prospettive future sono più che positive dopo la contrazione dello stipulato immobiliare, si confida nelle misure legislative all’esame del parlamento e del governo.