Aumenta l’Export del settore lattiero-caseario

I prodotti lattiero-caseari conquistano i mercati esteri e raddoppiano il valore delle esportazioni, +92% nel periodo 2006-20016.

Questi sono i dati emersi dallo Studio di Agrifood Monitor, che vede nella conquista dei mercati esteri una grande opportunità per il settore.
Secondo l’analisi diversi fattori hanno contribuito alla crescita del settore, ma la principale causa è da imputare all’aumento delle vendite dei formaggi che da soli conquistano l’82% del valore totale dell’export lattiero-caseario. Il mercato, del valore di circa 24 miliardi di euro, è prerogativa di pochi esportatori mondiali che da soli incidono per il 72%; l’Italia si posiziona al quarto posto preceduta solo da Germania (14%), Francia (12%) e Olanda (12%) e possiede la leadership di prezzo (6,23 €/Kg) grazie soprattutto alla presenza dei grandi DOP.
Per l’Italia si presentano grandi opportunità di crescita non solo nei mercati europei ed extra-europei tradizionali, ma anche in nuovi commerci che sebbene di dimensioni minori mostrano elevati tassi di crescita; quali Romania, Polonia, Norvegia, Svezia, Cina e Corea. Il caso cinese è quello più esemplificativo: nonostante le sue piccole dimensioni (380 milioni di euro nel 2016) ha elevati tassi di crescita pari al +118% nel periodo 2016/2013.
General Cessioni esprime opinioni positive in merito alle dichiarazioni rilasciate da Denis Pantini, Direttore dell’Area Agroalimentare di Nomisma, che commentando i risultati ottenuti dal settore sostiene che: “Con una variazione superiore al 7% intercorsa tra il 2015 e il 2016, i formaggi italiani mostrano un trend di crescita superiore al totale delle esportazioni agroalimentari nazionali che nello stesso periodo si sono fermate ad un +3,5%”.